Dalla legge sul dopo di noi al Coronavirus: l’urgenza di ripensare l’assistenza per anziani e disabili

di Annamaria Parente da www.vita.it del 22/06/2020

La legge sul dopo di noi, che proprio oggi compie quattro anni, in seguito alla terribile epidemia da Coronavirus è diventata ancora piú attuale e più urgente la sua realizzazione in toto. Tanto è vero che il Decreto Rilancio all’articolo 104 ha aumentato di 20 milioni per il 2020 il Fondo per l’assistenza alle persone con disabilitá grave prive del sostegno familiare, previsto dalla normativa. Attualmente la situazione dell’attuazione piena della legge è ancora critica e, soprattutto, a macchia di leopardo nelle varie regioni, come si evince dalla seconda relazione trasmessa alle Camere a gennaio di quest’anno sullo stato di attuazione della legge 112/2016 e che si riferisce all’anno 2018.

Leggi l’intero articolo su www.vita.it

La salute mentale è un buon investimento

di Stefano Cecconi e Fabrizio Starace da www.collettiva.it del 06/06/2020

Stefano Cecconi, responsabile nazionale Cgil sanità, non autosufficienza, integrazione socio sanitaria, e direttore di Rps, la Rivista delle Politiche Sociali, dialoga qui con Fabrizio Starace, presidente della Società italiana di epidemiologia psichiatrica (Siep), componente del Consiglio superiore di sanità, componente del comitato di esperti in materia economica e sociale della presidenza del Consiglio per la Fase 2 dell’emergenza Covid.

Leggi l’intero articolo da www.collettiva.it

Piano “Rilancio Italia”. Per la sanità Piano digitale nazionale, Welfare di prossimità e più risorse per la salute mentale

da www.quotidianosanita.it del 08/06/2020

Sviluppare un Ecosistema Digitale Salute a livello nazionale, che connetta tutti gli attori della filiera e renda disponibili tutti i dati sanitari del paziente agli operatori autorizzati, per permettere una cura integrata a casa, presso strutture sanitarie pubbliche/private e in ospedale, attraverso personalizzazione, monitoraggio ed interventi più efficienti”. È quanto propone per la sanità la task force guidata da Vittorio Colao nel suo documento ‘Rilancio Italia’ in cui lancia idee anche sul potenziamento degli strumenti di monitoraggio del Ssn, più investimenti nella salute mentale e nel Welfare di prossimità.

Leggi l’intero articolo da www.quotidianosanita.it

Oggi è l’anniversario della legge 180 del 1978. Parliamone, perché la salute mentale è al centro anche dell’attuale epidemia

È importante anche in questa stagione, giustamente occupata dalle problematiche legate al Covid-19, non dimenticare l’anniversario della promulgazione della Legge 180 del 13 maggio 1978.
Infatti, come evidenziato anche nella recente pubblicazione scientifica su The Lancet, i disturbi psichiatrici possono essere correlati alla pandemia in atto, in particolare nei prossimi mesi, in relazione in primo luogo alle condizioni sociali ed economiche.

Leggi l’articolo del Dr. Massimo Cozza, Direttore del DSM ASL Roma 2  da www.quotidianosanita.it

Regione Lazio: adottato Piano Territoriale per la riattivazione delle attività socio-assistenziali erogate da centri diurni e da strutture semiresidenziali

La Regione Lazio ha adottato  il Piano Territoriale per la riattivazione delle attività socio-assistenziali erogate all’interno o da parte di centri diurni e di strutture semiresidenziali per persone con disabilità. Le linee guida sono indirizzate al Comune di Roma Capitale, ai distretti sociosanitari del Lazio e agli enti locali nonché ai gestori affinché la ripresa graduale avvenga nel rispetto della tutela degli utenti e dei lavoratori, come previsto dal DPCM del 26 Aprile 2020.

Leggi il Piano Territoriale per la riattivazione delle attività socioassistenziali

Coronavirus, Fabrizio Starace (task force): “Ipotesi che metà decessi in Europa riguardi persone in assistenza residenziale”

da www.ilfattoquotidiano.it del 16 aprile

Lo psichiatra del Consiglio superiore di sanità (Css) e membro della squadra di Vittorio Colao ritiene che quanto accaduto “debba indurre un ripensamento delle politiche socio sanitarie nei confronti di queste fasce particolarmente vulnerabili”.

Leggi l’intero articolo sul Fatto Quotidiano

Periferie dei diritti e COVID-19

da www.conferenzasalutementale.it
di Stefano Cecconi, Giovanna Del Giudice

L’emergenza Covid-19 è prima di tutto questione sanitaria, ma per fronteggiarla l’Organizzazione Mondiale della Sanità raccomanda una “azione globale” che tenga conto di tutti gli aspetti che influiscono sulla salute e sulla vita della persone, non limitandosi ad interventi per contenere l’infezione e tanto meno solo all’ospedalizzazione. L’OMS dedica una particolare attenzione alle persone più vulnerabili e indica tra i servizi essenziali da garantire quelli riferiti alle persone con problemi di salute mentale e più in generale alle persone non autosufficienti e con patologie croniche, e per la salute materno-infantile. In Italia questa attenzione ancora non c’è stata.

Leggi l’intero articolo sul sito della Conferenza Nazionale