Papa Francesco visita a sorpresa la periferia sud di Roma

da www.vaticannews.va/it

“…Successivamente Francesco si è recato presso la comunità terapeutica riabilitativa “Il Ponte e l’Albero” situata al “settimo ponte” del quartiere popolare Laurentino 38, una zona difficile della periferia sud di Roma. Gli ospiti di questa struttura sono dodici giovani con disagio mentale, vissuti in famiglie che non hanno reso possibile alcun miglioramento nella loro situazione. Il Papa a piedi è salito lungo gli scaloni del “ponte” che collega gli alti fabbricati del quartiere e ha raggiunto i ragazzi sorprendendoli nel mezzo di una delle loro attività. Con questa visita, Papa Francesco ha esaudito il desiderio di questi ragazzi, che mesi fa gli avevano scritto una lettera raccontandogli le loro difficoltà quotidiane derivate dal disagio mentale, così come la volontà e i loro sforzi per proseguire nel cammino di cure insieme ai dottori e agli operatori e auspicando una sua visita…”

Leggi l’intero articolo

 

 

Legge 104 e Legge 68, percentuali d’invalidità e benefici: guida

da www.laleggepertutti.it

Quella che noi chiamiamo comunemente invalidità civile è una condizione prevista dal nostro ordinamento giuridico, correlata alla riduzione della capacità lavorativa di un individuo.
Per compensare chi ha una ridotta capacità lavorativa, sono previste delle agevolazioni: in particolare, i benefici sono riconosciuti, in maniera differente, a partire dal 33,33% d’invalidità.
L’invalidità non deve essere confusa con l’handicap: il riconoscimento dell’handicap, secondo la legge 104, è  infatti una condizione giuridica differente ed aggiuntiva rispetto allo stato d’invalido civile, e dà diritto a benefici fiscali e agevolazioni lavorative diverse (come, ad esempio, i permessi retribuiti)
In questa breve guida, vediamo quali sono i benefici per l’invalidità previsti dalla normativa, a seconda della riduzione della capacità lavorativa, e in che cosa si differenziano dai benefici previsti dalla legge 104.

Leggi l’intero articolo

Indennità di accompagnamento: più veloce il riconoscimento (messaggio Inps 1930/18)

da www.invalidi-disabili.it

Con messaggio n. 1930 del 8 maggio 2018  l’Inps ha semplificato le modalità di accesso all’indennità di accompagnamento per soggetti ultrasessantacinquenni.

La semplificazione è rivolta solo ai cittadini non più in età lavorativa, ossia a coloro che hanno raggiunto l’età utile per l’accesso all’assegno sociale, 66 anni e 7 mesi, che presentano una domanda di invalidità civile.

Leggi l’intero articolo

Compatibilità prestazioni economiche Inail con altre prestazioni pensionistiche

da www.superabile.it

Quando è possibile accedere a diversi accertamenti e riconoscimenti per invalidità, gli stessi possono dar luogo ad alcune forme di incompatibilità o incumulabilità, sia per quanto concerne le visite di accertamento sia per i relativi benefici economici spettanti.
Ma cosa comportano  l’incompatibilità e l’incumulabilità?

Leggi l’intero articolo 

Salute Mentale – Diritti, Libertà, Servizi: convochiamo la Conferenza Nazionale

Le Associazioni che hanno dato vita all’assemblea nazionale di Roma Salute Mentale: Libertà, Diritti, Servizi” (Roma 11 – 12 maggio 2018) nel 40esimo della legge 180:

  • intendono convocare una Conferenza nazionale per la Salute Mentale, con un percorso che si apre a Cagliari il 10 dicembre, nei prossimi mesi attraversa l’Italia, per arrivare alla Conferenza nazionale a giugno 2019. La Conferenza intende essere occasione di confronto aperto e di partecipazione democratica, per valutare lo stato delle politiche e dei servizi per la salute mentale, la necessità di un aggiornamento dei Livelli Essenziali di Assistenza e di un Nuovo Piano Nazionale, capaci di affermare il diritto alla tutela della salute mentale, respingendo qualsiasi tentativo di restaurare la logica manicomiale, per affermare invece i principi sanciti dalle leggi di Riforma 180 e 833 del 1978;
  • accolgono con favore l’annuncio del Ministro della Salute di istituire un Tavolo di lavoro per la salute mentale. E tuttavia esprimono una forte preoccupazione: il  Tavolo (inteso come luogo permanente di confronto) può essere utile ma non va “calato dall’alto”, deve essere costruito con la massima partecipazione, in primis delle associazioni delle persone che vivono l’esperienza della sofferenza mentale e coinvolgendo gli operatori;
  • rilanciano l’APPELLO a Governo e Parlamento, Regioni e Comuni, rinnovando la richiesta di incontro al Ministro della Salute e ai Presidenti della Conferenza delle Regioni e dell’Anci, anche per discutere sia dell’istituzione del Tavolo ministeriale che della Conferenza nazionale delle associazioni per la Salute Mentale.

UNASAM, Conferenza per la Salute Mentale F. Basaglia, Fondazione Franca e Franco Basaglia,  SIEP Società Italiana di Epidemiologia Psichiatrica, StopOpg, Psichiatria Democratica,  Wapr Italia, Forum Salute Mentale, Rete italiana Noi e le voci, Fondazione Di Liegro,  Cittadinanzattiva, Antigone, A Buon Diritto,  La Società della Ragione, Forum Salute e Carcere, Gruppo Abele