La Presidenza del Consiglio attiva un tavolo tecnico per migliorare la Legge n. 112/16

da www. www.anffas.net del 30 luglio 2020

Nel 2016 è stata emanata la Legge n. 112 sul “Durante, Dopo di Noi”, onde garantire misure innovative volte a sostenere i percorsi di acquisizione di autonomie e di progressiva fuoriuscita delle persone con disabilità dalla loro famiglia ed abitazione di origine per creare una propria esperienza da adulti verso il c.d. “dopo di noi”, ma “nel durante noi”.  A distanza di quattro anni si registrano luci ed ombre nell’applicazione della stessa, come messo costantemente in evidenza da Anffas attraverso il monitoraggio sull’intero territorio nazionale attraverso la propria rete associativa, nonché da un’ulteriore recente rilevazione in atto, i cui dati saranno disponibili nella prima decade di settembre.

Leggi l’intero articolo su  www.anffas.net

Legge Rilancio: semaforo verde ai budget di salute e al welfare di prossimità

da  www.vita.it del 19 luglio 2020

Giovedì scorso, il 16 luglio, in Senato è stata approvata la legge di conversione del decreto Rilancio che entra in vigore oggi. L’Assemblea di palazzo Madama ha ribadito, senza modifiche, il testo licenziato in prima lettura dalla Camera dei deputati.
Per la prima volta in un provvedimento legislativo nazionale, prevede un chiaro riferimento al welfare di prossimità ed ai Budget di Salute, riferimento che era assente nel testo del DL.
Dopo il comma 4 è inserito il seguente:
« 4-bis. Al fine di realizzare gli obiettivi di cui ai commi 3 e 4, il Ministero della salute, sulla base di un atto di intesa in sede di Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano, coordina la sperimentazione, per il biennio 2020-2021, di strutture di prossimità per la promozione della salute e per la prevenzione, nonché per la presa in carico e la riabilitazione delle categorie di persone più fragili, ispirate al principio della piena integrazione socio-sanitaria, con il coinvolgimento delle istituzioni presenti nel territorio, del volontariato locale e degli enti del Terzo settore senza scopo di lucro. I progetti proposti devono prevedere modalità di inter-vento che riducano le scelte di istituzionalizzazione, favoriscano la domiciliarità e consentano la valutazione dei risultati ottenuti, anche attraverso il ricorso a strumenti innovativi quale il budget di salute individuale e di comunità».

Leggi l’intero articolo su www.vita.it

Roma Capitale – “Legge Dopo di Noi”: modificato l’avviso pubblico

Il Dipartimento Politiche Sociali comunica importanti modifiche all’Avviso Pubblico per la selezione di progetti personalizzati per il “Dopo di Noi” in favore di persone con disabilità grave prive del sostegno familiare, ai sensi della Legge n.112/2016.
È stato infatti modificato l’articolo 3 dell’avviso pubblico, con l’eliminazione del limite massimo di età di 64 anni per poter essere inseriti nei progetti personalizzati.
Di conseguenza è prorogato al 31/7/2020 il termine per la presentazione delle domande.

Tutte le informazioni e gli aggiornamenti su www.comune.roma.it

Lazio, persone con disabilità e caregiver ancora “confinati”: ferme le attività

di Chiara Ludovisi da www.redattoresociale.it del 26 giugno

ROMA – L’Italia è ripartita e gli italiani stanno partendo: ma mentre tanti preparano i bagagli per un’estate in cui tutto sembra sempre più “normale”, niente è tornato alla normalità per le persone con disabilità e le loro famiglie. E’ quanto accade nel Lazio, dove le Consulte regionali, cittadine, alcune municipali e diverse associazione denunciano l’impossibilità, tuttora, di fruire di servizi e attività.

Leggi l’intero articolo su www.redattoresociale.it

Invalidi civili totali: la legge non assicura “i mezzi necessari per vivere”

da Ufficio Stampa della Corte Costituzionale –  Comunicato del 24 giugno 2020

285,66 euro mensili, previsti dalla legge per le persone totalmente inabili al lavoro per effetto di gravi disabilità, non sono sufficienti a soddisfare i bisogni primari della vita. È perciò violato il diritto al mantenimento che la Costituzione (articolo 38) garantisce agli inabili.
Lo ha stabilito la Corte costituzionale nella camera di consiglio svoltasi ieri, 23 giugno 2020, esaminando una questione di legittimità costituzionale sollevata dalla Corte d’appello di Torino.

Leggi il comunicato